Recensione a “Il respiro dell’alba. Un caso per Vassallo e Martines.” di Antonella Grandicelli.

(Fratelli Frilli Editori 2021)


Un nuovo gioiello della scrittrice genovese Antonella Grandicelli, vera specialista del non facile genere del romanzo giallo d’impronta noir, con al proprio attivo numerosi successi e affermazioni in questo campo.

Ottobre. Nella baia di Vernazzola, all’alba, viene trovato il corpo di una donna.

Si tratta di una suora e, nella mente del commissario Vassallo, si accendono subito mille interrogativi: morte accidentale, malore, suicidio od omicidio?

Chi potrebbe volere la morte di una religiosa?

E, soprattutto, che cosa ci faceva una suora, di notte, da sola, sulla spiaggia di Genova?

Contemporaneamente, il poeta Martines riceve una strana visita, mentre ancora riflette su ciò che la sera precedente ha rinvenuto nella propria cassetta postale: una vecchia fotografia, che reca sul retro una data e un messaggio sibillino che recita: “Ciò che eri può ucciderti più di ciò che sei?”.

Gli ingredienti per un giallo di classe ci sono tutti: il mistero, l’emozione e l’intreccio di oscuri legami tra passato e presente; personaggi ben delineati e con ruoli-chiave estremamente nitidi nella precisione e nell’introspezione psicologica, ed emblematici di una realtà fatta di reticenze e timori, giudizi e stereotipi, ambienti, situazioni e relazioni totalmente insospettabili, segreti inconfessati e inconfessabili.

L’Autrice ci conduce per mano nella sua Genova, che descrive con passione e di cui lascia intravedere la bellezza e la maestà che si erge sovrana anche sui grovigli e gli errori umani, sopra i dolori, sopra le speranze infrante e i palpiti indicibili di scelte esistenziali totalizzanti e tormentate.

Con finezza psicologica e con uno stile elegante, mai banale, assolutamente avvincente perché sa catturare l’attenzione del lettore a poco a poco, costruendo una tensione che sale, in crescendo, l’Autrice riesce perfettamente a evocare, via via, le atmosfere rarefatte di un convento, il gelo che si nasconde dietro l’apparente perfezione di una dimora borghese, lo sgomento per una scoperta inquietante e assolutamente impensabile.

Le azioni di Vassallo e Martines s’intrecciano nella ricerca della verità; ma per l’uno si tratta di una indagine professionale, mentre per l’altro emerge piano piano l’urgenza incontenibile di dare un senso a un buio che dura da troppi anni e che deriva da un passato che sembrava sepolto tra le pieghe della memoria e che invece affiora, tangibile e lacerante, con gli agghiaccianti interrogativi suscitati da un diario scomparso.

Quale verità si nasconde dietro le spoglie di questa suora defunta?

Riusciranno Vassallo e Martines a fare luce su ciò che è realmente accaduto?

Ai lettori il piacere di scoprirlo, di farsi coinvolgere nella complessità delle indagini e di gustare un romanzo prezioso che riesce a stupire e lascia un segno profondo.

Ilaria Celestini

Pagg. 304  coll. SuperNoir Bross €14,90 Isbn 9788869434990

Standard