Recensione al romanzo noir “Ti verrò a trovare in sogno” di Roberta Spadotto

(Fratelli Frilli editori 2021)

Il romanzo d’esordio della giornalista milanese Roberta Spadotto.

Milano. Fulvio è un uomo di mezza età che, dopo una vita di silenzio e di sofferenze taciute, decide di vendicare la donna che ha amato in gioventù di un amore intensissimo, autentico, profondo e che, all’epoca, non era stato capace di difendere.

Gli esplode dentro una vera e propria furia.

Di colpo, decide di uscire dalla propria tranquilla e monotona quotidianità e incrocia Giacomo, uno sconosciuto, nei cui occhi Fulvio intravede fissata per sempre la memoria dell’orrore consumato.

Ma nessuna esistenza s’incontra per caso, e uno sparo porterà un mutamento definitivo delle loro vite e di quelle di tutti coloro che popolano il loro mondo.

Sullo sfondo di un complesso intreccio psicologico di ricordi sopiti e di sussulti improvvisi s’intersecano le vite di quattro donne, legate a vario titolo sia alla vittima sia all’assassino.

Riuscirà la p.m. Maddalena Fiorito a risolvere l’enigma di un omicidio che non trova spiegazioni?

E le vite di quelle quattro donne troveranno una speranza e una risoluzione?

Ai lettori il compito di scoprirlo, scorrendo le pagine intense di questa storia dolorosa e oscura.

Ilaria Celestini

Pagg. 220 coll. I Tascabili Noir €12,90 Isbn 9788869435256

Standard