Recensioni

Prefazione alla silloge di Gianluca Papa ” Atmosfere ” (di Ilaria Celestini)

163_Atmostere900

Atmosfere. Mai titolo di una silloge fu più sapientemente centrato, vero emblema dell’arte di Gianluca Papa, che nelle sue brevi liriche sa tratteggiare, con grande eleganza, le suggestioni di ogni luogo, il nucleo che ne caratterizza la peculiarità: l’atmosfera, appunto, che non è solo un dato culturale o storico, ma è l’insieme delle impressioni che il visitatore ne riceve e che il poeta reinterpreta e fa proprie.

Così la sua scrittura raffinata, colta, coglie perfettamente ed esprime il fascino delle città d’arte come anche l’incanto estetico e suggestivo delle vedute naturalistiche e in particolare marine, e insieme ne testimonia le problematiche umane, le solitudini immense nelle metropoli, che si mescolano alla dolcezza dei ricordi d’infanzia, agli struggimenti dell’adolescenza, alla constatazione dolente ma sempre composta dell’inesorabilità del tempo che passa.

Ne esce una ricca e variegata raccolta di quadri poetici, un insieme piacevolmente rarefatto e adeguatamente profondo di vere e proprie ‘pennellate’ di parole, che dipingono, letteralmente, il ritratto degli scenari urbani e degli itinerari culturali più celebri e ne comunicano al lettore le impressioni originali e intense dell’Autore.

Nel ricco mondo emozionale che emerge da questi componimenti, trova spazio anche il riferimento all’amore, tema particolarmente caro a Gianluca Papa, che lo racconta con estrema sensibilità, e lo esprime attraverso delicati ricordi, descrizioni tratteggiate di attimi fuggenti, sentimenti timidi e delicatissimi di grande e toccante intensità.

Questa breve raccolta poetica appare quasi un diario, una sorta di narrazione interiore, o, alla maniera petrarchesca, quasi un piccolo canzoniere, dove l’autore, con un linguaggio semplice e chiaro in apparenza, ma in realtà colmo di richiami alla classicità e alla tradizione aulica della letteratura tradizionale, ci svela, attraverso una cinquantina di brevissime liriche, la bellezza nascosta dei luoghi più celebrati dagli itinerari turistici, e insieme anche il fascino nascosto degli ambienti dedicati alla preghiera e alla meditazione.

Non a caso, infatti, egli ha scelto di dedicare ben due componimenti all’abazia di Maguzzano, sede di incontri di spiritualità e di ritiro temporaneo dagli affanni del mondo: il poeta sembra quasi sospeso tra la dimensione terrena della bellezza e dell’effimero e quella eterna e universale del Cielo.

Nelle sue liriche, spesso, con toni eleganti e composti, mai eccesivamente enfatici o stucchevolmente retorici, ma sempre con la ‘giusta misura‘ di oraziana memoria, egli unisce la contemplazione delle opere d’arte create dall’uomo o degli scenari meravigliosi generati dalla natura al rimpianto per la fugacità delle esperienze felici, delle ore liete che si dileguano troppo rapidamente.

Nel contempo, Gianluca Papa è un Autore ben consapevole dell’importanza di un continuo riferimento e di una costante ricerca di una dimensione superiore, trascendente e infinita, che dia senso all’umana esistenza, e si rivela un poeta nobile, di grandi capacità compositive e di sapiente elaborazione, pienamente meritevole di essere annoverato tra i maggiori poeti contemporanei.

ILARIA CELESTINI

(poetessa e critico letterario – specialista in Lingua e Letteratura Italiana)

Standard
Articoli di critica letteraria

Scheda bibliografica a p. Giovanni Belloni – Grazie al dito che mi indicò la luna – di Ilaria Celestini

Grazie_al_dito_che_mi_indicò_la_Luna

Scheda bibliografica

Il testo, a opera di p. Giovanni Belloni, sacerdote missionario del PIME di Milano, è ascrivibile al genere dell’autobiografia spirituale e della testimonianza, pubblicato dietro esplicita richiesta dei numerosi amici ed estimatori della singolare esperienza dell’autore.

Nella ventina di capitoli di cui si compone il racconto, infatti, viene tracciata la storia della vocazione prima al sacerdozio e alla vita attiva nelle missioni del Bangladesh, dove p. Belloni ha trascorso un servizio più che ventennale, dirigendo anche l’Istituto per l’assistenza ai malati di lebbra, e, in un secondo momento, la maturazione della vocazione contemplativa con la pratica dell’ascesi cristiana condotta secondo la modalità tipicamente orientale e in particolare induista dell’ashram: una comunità di preghiera, servizio e meditazione, aperta a persone di ogni parte del mondo e di tutte le fedi e gli orientamenti filosofici. Continua a leggere

Standard
Articoli di critica letteraria

Postfazione a Bruno Massaro – Il profondo respiro dell’anima – di Ilaria Celestini

Bruno Massaro-Il_profondo_Respiro_dell_Anima

Postfazione a Bruno Massaro

Un Dio di tenerezza infinita, che è vicino agli uomini e che si è fatto Uomo; un Dio che è Padre e Madre insieme, e che sostiene le Sue creature con misericordia e compassione; un Dio che è Amore, un Amore che permea di Sé il mondo intero e l’universo: la visione della vita di questo prezioso libro di Bruno Massaro è rasserenante e invita alla speranza. Continua a leggere

Standard
Recensioni

Recensione a Susanna Polimanti – narratrice dell’anima – di Ilaria Celestini

Susanna Polimanti Penne d'aquila Susanna Polimanti Lettere mai lette

Susanna Polimanti narratrice dell’anima

Susanna Polimanti, nata a Foligno e residente a Cupra Marittima, nelle Marche, oltre a essere un’esperta traduttrice e una fine esegeta di testi letterari, membro di giuria in svariati e prestigiosi concorsi, è una narratrice sui generis, che privilegia l’essere all’apparire, con un uso moderato del linguaggio, fatto di frasi brevi, senza ricerca di effetti speciali con cui stupire il lettore, senza inutili orpelli, molto riservata e al tempo stesso incisiva. Continua a leggere

Standard
Recensioni

recensione a Valeriano Dalzini: Vibrazioni cromatiche

copertina Valeriano

Anna Maria Folchini Stabile – Annamaria Stroppiana Dalzini

Valeriano Dalzini: Vibrazioni cromatiche

(TraccePerLaMeta Edizioni 2013)

Nell’ambito della critica letteraria, raramente avviene che il critico si possa concedere una lacrima di commozione e riconoscenza, perché la lettura professionale di un testo impone l’esercizio della lucidità e la messa tra parentesi delle emozioni personali.

Quando però ci si trova di fronte al racconto di una vita così densa di sofferenze e nel contempo così vibrante di gioia e di gratitudine per l’esistenza stessa, pur con tutte le sue storture e a volte i suoi orrori, commuoversi e lasciarsi trascinare dalla forza interiore e dalla bellezza di un’anima diventa un dovere. Continua a leggere

Standard